In offerta!

Antonio GUADAGNOLI – Raccolta delle poesie gioiose – 1835

68.00

Descrizione

Antonio GUADAGNOLI – Raccolta delle poesie gioiose del Dottore Antonio Guadagnoli d’Arezzo con aggiunte e correzioni fattevi dall’autore – 1835. Italia, editore non specificato; pelle muta non coeva e, nel primo tomo, anche brossura editoriale originale; 32°, cm 12; 2 voll.; pagg. 157; 204 13; legature restaurate e lievi fioriture, nel complesso più che buon esemplare; ritratto inciso dell’Autore all’antiporta del tomo I. Antonio Guadagnoli (Arezzo, 1798 – Cortona, 21 febbraio 1858) è stato un poeta e letterato italiano.Figlio del poeta bernesco Pietro, studiò presso il seminario di Arezzo, per poi laurearsi in giurisprudenza nel 1821 all’Università di Pisa.[1]Tra il 1832 ed il 1854 collaborò ogni anno all’almanacco Sesto Caio Baccelli dell’editore fiorentino Formiggini, occupandosi delle Prefazioni, che componeva in sesta rima.Insegnò lettere in varie scuole pisane ed aretine fino al 1847, quando grazie ad una cospicua eredità, poté vivere di rendita, ed occuparsi di politica. Nel 1848 divenne infatti gonfaloniere di Arezzo.Si mostrò nell’occasione fervente liberale, e nonostante l’ordine governativo di impedire l’ingresso in città a Giuseppe Garibaldi (profugo dopo la caduta della Repubblica Romana), rifornì di viveri i legionari garibaldini.La sua produzione letteraria (poesie, novelle) ha sempre un tono divertito e colloquiale; ma < del Berni, cui vorrebbe paragonarsi, gli mancano le qualità essenziali, sebbene arguzia e satira, talvolta equivoca, non gli facciano difetto >.Ebbe comunque un nugolo di imitatori: Arnaldo Fusinato, Norberto Rosa, G. Cavalieri, C. Masini, A. Bargiacchi, F. Guidi, G. Brini, A. Paperini, Antonino Nicosia, Lorenzo Borsini, ed altri.