In offerta!

Francesco ANSALDI – De iurisdictione tractatus – 1643

212.50

Descrizione

ANSALDI Francesco – Francisci Ansaldii canonum, et legum doctoris minimi, E’ Sancti Miniati Urbe in Hetruria oriundi, De iurisdictione tractatus in quinque partes diuisus, Quarum I. Iurisdictionem in genere, II, Ecclesiasticam, III. Saecularem, IV. Mixti fori, V. Muneris impositionem, & exactionem continet. Sedulo, multarumque vigiliarum studio, fidelique mente, et veritate, ad Authoris instructionem compositus, et elaboratus. Cum Summariis, & Indicibus Titulorum, Capitum, & Rerum omnium copiosis – 1643. Lugduni, Sumpt. Haered. Gabr. Boissat, & Laurentij Anisson. Cum Superiorum permissu. Pergamena rigida con, al dorso, cinque nervi e titolo manoscritto; cm. 34,5 x 23; pagg. (18) 564 (90); bruniture e fioriture, rari fori di tarlo. Vecchio timbro di appartenenza al frontespizio. Frontespizio r/n con bella vignetta calcografica allegorica, testo su due colonne, vignette e capilettera ornati. In diritto il termine giurisdizione (dal latino iurisdictio, a sua volta derivato da ius dicere) ha un duplice significato: in senso oggettivo è una funzione pubblica (funzione giurisdizionale), consistente nell’applicazione del diritto oggettivo, interpretandone le norme e rendendole operanti nel caso concreto, per risolvere le controversie in posizione di terzietà, ossia di indipendenza rispetto alle parti e di indifferenza riguardo all’esito della controversia. In senso soggettivo è l’insieme degli organi che esercitano tale funzione, i giudici. Il termine viene anche utilizzato per designare la sfera di competenza di un giudice o, con significato più generale ma meno appropriato, di un organo pubblico. Questo testo è opera di un importante giurista del secolo diciassettesimo