Jorge Luis BORGES – Finzioni (la Biblioteca di Babele) – 1974

Categoria:

12.00

Descrizione

Jorge Luis BORGES – Finzioni (la Biblioteca di Babele). Introduzione di Domenico Porzio. Con un saggio di Maurice Blanchot. Traduzione di Franco Lucentini. – 1974. Arnoldo Mondadori editore – Milano; Brossura editoriale figurata con titoli al piatto e dorso; 16°, cm 18.4; 1.vol; pagg. 129; ottimo esemplare; . Jorge Francisco Isidoro Luis Borges Acevedo, noto come Jorge Luis Borges (Buenos Aires, 24 agosto 1899 – Ginevra, 14 giugno 1986), è stato uno scrittore, saggista, poeta, filosofo e traduttore argentino.è ritenuto uno dei più importanti e influenti scrittori del XX secolo, ispirato tra gli altri da Macedonio Fernàndez, Rafael Cansinos Assens, dalla letteratura inglese (Chesterton, Kipling, Stevenson, Wells, De Quincey, Shaw), dalla germanica (Schopenhauer, Heine, Kafka) e dal Taoismo. Narratore, poeta e saggista, è famoso sia per i suoi racconti fantastici, in cui ha saputo coniugare idee filosofiche e metafisiche con i classici temi del fantastico (quali: il doppio, le realtà parallele del sogno, i libri misteriosi e magici, gli slittamenti temporali), sia per la sua più ampia produzione poetica, dove, come afferma Claudio Magris, si manifesta l’incanto di un attimo in cui le cose sembra stiano per dirci il loro segreto.Oggi l’aggettivo definisce una concezione della vita come storia (fiction), come menzogna, come opera contraffatta spacciata per veritiera (come nelle sue famose recensioni di libri immaginari).