BALDOVINI Francesco – IL LAMENTO DI CECCO DA VARLUNGO – 1807

Categoria:

45.00

Descrizione

BALDOVINI Francesco – IL LAMENTO DI CECCO DA VARLUNGO di Francesco Baldovini ed altre poesie rusticali – 1807. Brescia. Bettoni. Brescia, per Bettoni; Cartoncino muto con etichetta sul dorso riportante il titolo. Mancanze al dorso e tracce d’uso; 8° 22×14; 1 volume; 192 complessive; Ottimo; Stampato su una colonna anche in corsivo. Pagine allentate e tracce di gore d’acqua e di umidità in generale. Rarissimi fori di tarlo. XLIII, 1pb, 145pp, 1pb, 1cnn. Baldovini (1634-1716) è ricordato per il genere degli idilli rusticali, che egli frequentò: in essi, più che uno schietto intento satirico nei confronti della gente del contado, trovavano espressione il diletto erudito e la mania linguaiuola, caratteristica dei letterati toscani. Il Lamento di Cecco da Varlungo, è un idillio rusticale in quaranta ottave, in cui il contadino Cecco canta il suo vano amore per la contadina Sandra, lamenta gli affanni della gelosia, manifesta infine propositi di suicidio, a cui però leggermente rinuncia. Nel libro proposto troviamo, oltre ad una versione latina (opera di Camillo Alysio), anche un’operetta del favolista, letterato e sacerdote Luigi Fiacchi, detto il Clàsio (Scarperia 1754 – Firenze 1825). All’inizio c’è la vita di B. scritta da Domenico Maria Manni e alla fine troviamo altre stanze dello stesso autore