CANTU’ Cesare – Storia di cento anni 1750-1850 – 1852

Categoria:

160.00

Descrizione

CANTU’ Cesare – Storia di cento anni : 1750-1850 2. ed. accresciuta ed emendata – 1852. Firenze : Felice Le Monnier; Cartone con angoli un pergamena e pelle al dorso, su cui insistono fregi e titolo dorati; cm. 18,5 x 12; 3 volumi; 1758 complessive; Ottimo con fioriture; Fioriture e note di possesso. Vol.I: 2ccnn, 525pp, 1pb. Vol.II: 1cnn, 595pp, 1pb. Vol.III: 2ccnn, 626pp.. Opera di C. Cantù (1804-1895), pubblicata la prima volta nel 1851. L’autore ricerca le cause degli avvenimenti del secolo XIX, risalendo alla metà del sec. precedente, caratterizzato da pochi fatti ma da gran movimento di idee. Dato uno sguardo generale all’Europa alla metà del sec. XVIII, passa ad esporre le vicende della Gran Bretagna e della Francia e, in seconda battuta, della Polonia e delle colonie anglo-americane. Parla poi delle lontane cause della Rivoluzione e della fisionomia dell’Europa alla fine del sec. XVIII. Segue la storia della Rivoluzione francese, del giacobinismio in Italia, di Napoleone, della Santa Alleanza. La scena si allarga all’Impero turco, alla liberazione della Grecia, agli Stati Uniti, all’America spagnola. Dato uno sguardo al Romanticismo, all’arte e alla cultura italiana si esaminano le condizioni di tutti i paesi, dopo il 1830: la Francia, l’Inghilterra, il Belgio, la Spagna, la Scandinavia, la Confederazione Elvetica, la Confederazione Germanica, la Russia, l’Oriente, l’Impero Britannico. L’opera si chiude con un accenno ai fatti contemporanei e alle condizioni della scienza, della filosofia, della cultura. Cantù ribadisce in qs libro il principio comune a tutte le sue opere: che il popolo ha bisogno della libertà e della fede, della ragione e della rivelazione e che esiste qualcosa di superiore alle fuggitive combinazioni della politica, alle variazioni dei partiti e ai vaneggiamenti indotti dalle passioni.